La mia personale via alla felicità (al bando lo stress in 10 passi)

Come vi dicevo qui, ho tralasciato di scrivere sul mio blog per quasi un mese a causa di un periodo molto impegnativo (stressante) tra lavoro e casa. Io solitamente, e a detta di molti, reggo bene lo stress. Veramente è così? Come ci riesco? Non me lo sono mai chiesta direttamente, ma dato il periodo che sto attraversando, ho cercato di capire quali sono i comportamenti che rappresentano la mia personale via alla felicità (che include una buona gestione delle situazioni stressanti).






I miei 10 comportamenti per la gestione dello stress.

1. Vi sembrerà sciocco: io mi concentro sul respiro. La respirazione mi aiuta a mantenere la calma. Un respirazione bassa, diaframmatica è il metodo più immediato che ho per gestire lo stress. 15 anni di pratica del karate affiancato negli ultimi 2 allo yoga mi aiutano tantissimo in questo.

2. Confronto sempre i problemi che devo affrontare con un ordine di cose più grande: malattia, miseria, fame. E mi chiedo: Cos'è questo problema rispetto ad altri che esistono nel mondo? A volte ci perdiamo in bicchieri d'acqua e non teniamo conto di cosa è veramente importante.

3. Passo del tempo con chi amo, esco con le amiche e mi faccio due risate di pancia.

4. Faccio liste, organizzo lavoro e appuntamenti quotidiani mettendo ordine nella confusione della quotidianità. "Perdere" mezz'ora al giorno per organizzare e programmare quello che devo fare, mi aiuta a completare gli impegni quotidiani.

5. Mi immergo quanto più possibile nella natura. Che sia il giardino, l'orto, un'escursione sui Colli o in montagna, non c'è niente di meglio che recuperare il contatto con la natura per stare subito meglio.

5. Lascio andare. Cerco di non permettere a cose esterne di influenzare il mio stato interiore. O meglio, come diceva la mia vecchia insegnante di yoga: "Bisogna essere come dei water di lusso. Lasciate che tutta la negatività (lei usava un termine più forte ) vi attraversi, ma che non lasci traccia dentro di voi." Molto difficile, concordo con voi. Tuttavia il solo pensiero di lasciare andare in qualche modo i pensieri che vi opprimono, è un utile primo passo.

7. Ogni giorno sono grata per quello che ho e che mi succede, siano piccole o grandi cose. Le trascrivo sulla mia agenda di quest'anno, il "The Five Minute Journal" che mi aiuta a praticare l'arte della felicità.

8. Se possibile ci rido sopra. Ironia e auto-ironia salveranno il mondo, questo è uno dei miei mantra.

9. Faccio attività fisica: karate, yoga ed ora che è iniziata la bella stagione, camminate veloci lungo gli argini del fiume e le piste ciclo-pedonali della mia zona.

10. Mi concedo uno sfizio ogni tanto e lo considero la ricompensa per qualcosa di impegnativo che ho superato. Credo che l'avere tutto a disposizione e subito, faccia perdere alle cose la loro importanza e svalutare l'impegno necessario a raggiungerle. Con tutte le implicazioni di consumismo frettoloso che ne derivano. Io desidero che ogni cosa abbia la sua importanza per gustarne appieno il valore.


Naturalmente queste sono cose che funzionano per me. Dato che ognuno di noi è diverso, ci sono comportamenti che mettete in pratica per difendervi dallo stress e ricercare la vostra personale fetta di felicità? Sarei curiosa di conoscerli :)

Buona nuova settimana!

post signature

No comments:

Post a Comment